Il proibizionismo è una malattia
Il proibizionismo è una malattia

Bisogna far capire ai proibizionisti che la causa del loro malessere è probabilmente un malfunzionamento del sistema endocannabinoide. Da uno studio del dott, Melamede (docente di Biologia dell’ Università del Colorado, U.S.. e dirigente di ricerche sui cannabinoidi, per la traduz. completa dello studio vedi “canapa, non siamo criminali” pagg. 223-232) si comprende come il malfunzionamento del sistema endocannabinoide, o dei recettori CB1 e CB2 porti ad una serie di scompensi non solo fisici ma anche comportamentali (paura di qualsiasi cambiamento). I proibizionisti non ci stanno facendo quello che ci fanno perché sono intenzionalmente malvagi, ma perché sono più primitivi (vien da pensare ottusi). Guardano il mondo con paura e ostilità, e non con spirito di cooperazione e comprensione. … mentre le persone e i topi da laboratorio con menti aperte sono in grado di accettare un cambiamento, le persone con i recettori difettosi e i topi deprivati (ai quali sono stati rimossi i recettori)… avranno paura del cambiamento. …poiché la cannabis combatte i radicali liberi, le persone che hanno usato cannabis per lunghi periodi tendono a vivere più a lungo e ad apparire più giovani. La cannabis favorisce la vostra salute influenzando le cellule nervose, bilanciando il vostro sistema immunitario, riducendo il deposito di grassi nel vostro sistema cardiovascolare… è una medicina olistica, e quindi deve essere usata appropriatamente, non è bene che sia presente in modo insufficiente. Potremmo produrne a sufficienza; alcuni individui possono produrne abbastanza, ma ci sono veramente tante persone che non ne producono abbastanza, o il loro sistema non è abbastanza attivo, e queste persone potrebbero trarre benefici dall’uso di cannabis o altri cannabinoidi per regolare tutte le cose che abbiamo menzionato…

Uno scompenso nel sistema endocannabinoide può portare numerose complicazioni, anche gravi. La cattiveria e l’ignoranza ottusa e cieca dei proibizionisti sono causate da questo scompenso, per fortuna oggi curabile…

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Rimani aggiornato,

lasciaci la tua mail

X