Soma, un sacrificio da ricchi signori
Soma, un sacrificio da ricchi signori

Le tribù ariane che arrivarono nel nord-ovest dell’India durante il secondo millennio prima di Cristo portarono con loro una tradizione religiosa politeistica che consisteva in una raccolta di canti in forma di poesia (i Rg Veda) che glorificano e codificano certi fenomeni naturali. Alcuni dei poteri più prominenti della natura personificati nei Rg Veda comprendono la sacra forza del fuoco (Agni), il vigore dei tuoni e dei fulmini (Indra), e la potenza psicoattiva del succo del Soma. Senza dubbio, nei culti originali degli Ariani

i rituali sacri e l’uso del Soma ebbero un ruolo di importanza primaria. Il culto originale, sebbene in un secondo tempo fu arricchito con rituali ed elaborazioni complicati (Srauta), era fondamentalmente semplice. Si focalizzava su di un altare con il fuoco acceso sopra in uno spazio aperto, e comprendeva l’uccisione sacrificale di animali, l’offerta di alcune sostanze come il “ghee” (burro chiarificato) e Soma, e numerose libagioni cerimoniali del succo del Soma. Come descritto nei rituali, sia gli dei che i gestori del culto erano ugualmente desiderosi del Soma e ne lodavano spesso gli esilaranti e meravigliosi poteri spirituali, psicologici e medicinali. IL Mandala il nono libro dei Rg Veda, è quasi completamente dedicato alle lodi e all’utilizzo del Soma.

D’altronde, la conoscenza degli inni ariani primordiali, e di conseguenza il sacramento psicoattivo Soma, erano in origine riservati agli Ariani stessi. In un secondo tempo l’elite dei preti locali prese possesso della gran parte della autorità religiosa che era in mano agli autori degli inni Ariani ed ebbe il controllo sulle interpretazioni teologiche e sui rituali. Nella sua interpretazione formale il “vedismo” non era una religione diretta alle masse (Drekmeier, 1962), e in apparenza per qualche tempo i membri della elite religiosa limitarono la conoscenza e l’uso del Soma alle loro proprie attività esoteriche. Quindi, un piccolo, ma influente segmento della società indiana controllava la religione e la distribuzione della pianta del Soma: “ il sacrificio comune del Soma era chiaramente un sacrificio di ricchi signori” (Mac-Donell e Keith, 1958).

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Rimani aggiornato,

lasciaci la tua mail

X